“Il racconto dell’Abruzzo è quello di un contadino che ha il mare davanti, di un popolo che ha capito che il mare è una risorsa e che lo lavora come fosse terra. Dai trabocchi, una volta, non si diceva andiamo a pescare, ma andiamo a zappare il mare ed è così, questa terra vive una dialettica mare e campagna che è quella della gente che sul mare ci è capitata un po’ per caso, ma se lo è ritrovato davanti, è lì, e va benissimo per raccontarci tutti”.

Il “Sentiero del Gusto” è solo uno degli eventi gourmet che La Réserve organizza nel corso della stagione. Si tratta di un progetto voluto intensamente, un’idea maturata nel tempo, come il buon vino, assieme alla convinzione che l’Abruzzo, in primis quello dei sapori della Majella e dell’Adriatico, andasse comunicato, promosso e valorizzato in ogni modo. E il risultato ha confermato le aspettative. Giunto alla  quinta edizione, il “Sentiero del Gusto” si è poi rivelato in tutto e per tutto ciò che doveva essere e rappresentare: un weekend straordinario, interamente dedicato all’alta cucina e ai prodotti enogastronomici del territorio.

Moreno Cedroni, Pino Cuttaia, Mauro Uliassi sono solo alcune delle “stelle” della ristorazione che hanno saputo illuminare con le loro creazioni straordinarie le serate di gusto de La Réserve. Chef di caratura internazionale, che si sono alternati ad altri nomi dal talento indiscusso, come le giovani promesse Mattia Spadone, Alba Esteve Ruiz e Martina Caruso.

Ma il “Sentiero del Gusto” è anche l’occasione per un racconto dei vini d’Abruzzo, con le degustazioni guidate da esperti, giornalisti e scrittor e l’assaggio dei prodotti delle più rinomate cantine regionali. Trebbiano, Montepulciano, Pecorino, bollicine: un percorso di sapori, aromi e profumi per ogni tipo di pubblico, dagli intenditori ai semplici amanti del buon vino.

La Réserve propone inoltre, durante tutta l’anno, altri interessanti appuntamenti con i sapori come i weekend a tema e le serate con menù degustazione a cura degli chef del ristorante Le Regard. Tradizioni regionali, prodotti tipici e le novità della carta stagionale diventano protagonisti ad esempio di fine settimana dedicati al tartufo, alle antiche ricette d’Abruzzo o alle primizie di primavera e autunno.

Gallery